+39 06 37514488
segreteria@aidel22.it

Via dei Prati della Farnesina,13
00135 Roma

Ad un tratto… ON-AIR

Il progetto radio Aidel22 nasce allo scopo di realizzare un network radiofonico che vedrà quali protagonisti i Nostri ragazzi; il network sarà realizzato mettendo in gioco competenze e curiosità, dando la parola agli stessi ragazzi, che saranno i protagonisti, nelle diverse modalità operative, della conduzione e della gestione tecnica dei programmi.

L’idea è quella di realizzare un palinsesto, in cui ognuno possa portare il proprio contributo e arricchire così il nostro network.

Saranno previsti spazi dedicati a notizie e approfondimenti su varie tematiche, spazi dedicati alla musica preferita da ognuno dei ragazzi, spazi dedicati a momenti informativi riguardo alla sindrome Delezione del Cromosoma 22 e infine spazi sull’attività che vede impegnata l’Associazione AIDEL 22.

Nel momento della formazione si cercherà di individuare i diversi interessi per poter poi proseguire sviluppando i vari programmi che costituiranno  il palinsesto.

Il lavoro è già stato avviato, in questa prima fase  lo scopo è quello di sviluppare una piattaforma semplice che possa mettere in onda la radio da diverse postazioni dislocate in vari punti d’Italia, dai quali ogni ragazzo potrà condurre il proprio programma; ci si avvale della competenza e della professionalità di persone che lavorano da anni in questo campo.

Il laboratorio di Radio nasce allo scopo di avviare un percorso, una “messa in onda” non tanto e non solo per la creazione di un programma Radio quanto anche per far vivere, in maniera attiva, ai Nostri Ragazzi  una nuova esperienza.

Un percorso utile  per dare la possibilità ad ogni ragazzo di potersi mettere in gioco e portare così in onda qualcosa di proprio, pensato e costruito.

Il laboratorio prevede: l’analisi, la discussione e la sperimentazione su alcuni strumenti utilizzati per approfondire le conoscenze sulle diverse tecniche radiofoniche; prevede anche l’ascolto di alcuni programmi, l’utilizzo e la conoscenza di strumenti, le registrazioni attraverso tracce digitali, l’uso di microfoni e costruzioni di scalette, rubriche e playlist.

Ci auguriamo che questa nuova avventura possa essere per i Nostri Ragazzi e per tutta l’Associazione un momento di ulteriore arricchimento.

 Francesco Grande